Multisala Novecento

AGORA

di Alejandro Amenabar
con Rachel Weisz, Max Minghella e Oscar Isaac

Genere: Film
Durata: 126'
Alejandro Amenábar e la Chiesa cattolica non si amano particolarmente. Dopo aver sollevato polemiche (ma soprattutto positive riflessioni) toccando il tema dell’eutanasia con "Mare dentro" e giocato con la vita dopo la morte in "The Others", il suo ultimo film scava nella storia della cristianità, portando in luce una figura storica abbastanza dibattuta, quella di Ipazia. Siamo ad Alessandra d’Egitto, tra il quinto e sesto secolo dopo Cristo. L’impero romano non è ancora completamente cristiano, anche se i decreti teodosiani avevano già impedito da qualche anno diversi culti da quelli di Pietro. Pagani e cristiani si fronteggiavano verbalmente ogni giorno, in un clima sempre più teso, fino all’ineluttabile fatto di sangue. Fu così che l’Agorà dove la filosofa, matematica e astronoma Ipazia insegnava ai più importanti giovani della città, venne distrutta in quanto archivio di testi blasfemi o meglio, non specificatamente cristiani. Fu l’inizio di un declino morale e intra-religioso che si allargò poi anche agli ebrei e che frantumò, dall’interno, l’unità stessa del potere romano. Partire da un personaggio come Ipazia, una donna bella, ambita, ma comunque non sposata, che preferisce una morte da idealista, ad un battesimo di comodo che l’avrebbe resa cristiana tanto da salvare le apparenze, è un ottimo pretesto per parlare della storia della Chiesa cristiana. Nell’"Agorà" del titolo ebbe luogo uno dei fatti più emblematici per capire il potere che la religione esercita sui popoli e su come anche il più tollerante dei credi abbia cavalcato ignoranza e crudeltà. Amenábar sa bene tutto questo, e si preoccupa infatti più di costruire un film a tesi che ad ispezionare fino in fondo personaggi complicati e interessanti come potenzialmente sono Ipazia e i suoi allievi. "Agorà" ha il pregio di togliere la polvere da un episodio che per quanto venga qui romanzato, ha comunque una base di verità così forte e interessante che travalica qualsiasi furbizia di sceneggiatura (come i cristiani vestiti tutti di nero).

Note

Regia: Alejandro Amenábar. Sceneggiatura: Alejandro Amenábar e Mateo Gil Scenografia: Guy Hendrix Dyas. Costumi: Gabriella Pescucci. Musiche: Dario Marianelli. Fotografia: Xavi Gimenez. Montaggio: Nacho Ruiz Capillas. Interpreti: Rachel Weisz, Max Minghella, Oscar Isaac, Ashraf Barhom, Michael Lonsdale, Rupert Evans, Richard Durden, Sami Samir, Manuel Cauchi, Yousef „Joe“ Sweid, Paul Barnes e Christopher Dingli. Produttore: Fernando Bovaira e Alvaro Augustin. Distribuzione: Walt Disney Origine: USA, 2010. Vincitore di 7 Premi Goya 2010