Multisala Novecento

Il teatro, la cultura sul palcoscenico

Quando agli inizi degli anni ‘90 si discusse della ristrutturazione del Cinema Teatro Nuovo, la comunità cavriaghese scelse di mantenere la funzionalità teatrale nella sala più grande, con la consapevolezza che le forme di spettacolo non si potessero ridurre solo alle proiezioni cinematografiche. La scelta dei cittadini fu lungimirante: il teatro è forse la massima espressione della libertà umana.


Contattaci subito Multisala Novecento ha condiviso l’importanza di continuare a proporre rappresentazioni teatrali alla comunità di Cavriago (e non solo) e, da anni, affianca in modo continuativo e programmato alle proiezioni cinematografiche, teatro per ragazzi e famiglie la domenica, teatro per le scuole e teatro dialettale.
Periodicamente invece si sono proposte rappresentazioni di teatro di prosa, operetta, concerti, musical ma, in questi casi, per ragioni esclusivamente di carattere economico, senza riuscire a dare continuità alla programmazione. Difficilmente i costi delle rappresentazioni teatrali possono essere garantiti e sostenuti solo dalla vendita dei biglietti; senza il sostegno di sponsor e/o di fondi pubblici l’accesso agli spettacoli risulterebbe eccessivamente oneroso per gli spettatori.

Con la legge n. 106 del 29 luglio 2014 lo Stato consente alle aziende e ai privati cittadini che versano erogazioni liberali per il sostegno delle attività culturali (Art Bonus), un beneficio fiscale pari al 65% dell’importo erogato. Ad esempio, chi versa 1.000 euro a sostegno delle attività culturali diminuisce di 650 euro (diluiti in tre anni) l’importo delle imposte che deve pagare allo Stato.

Il Comune di Cavriago è stato autorizzato dal Ministero a ricevere contributi su alcuni progetti/attività; uno di questi è “Art Bonus Multiplo Teatro” finalizzato a sostenere ed incrementare le attività teatrali. Il Comune di Cavriago, proprietario dell’immobile, ha affidato a Multisala Novecento (già concessionaria della gestione del cinema-teatro fino al 2034) la programmazione e la gestione di spettacoli teatrali per il triennio 2016-2018 che sarà possibile realizzare con i contributi dei Mecenati.




Non solo cinema, molto di più

Multisala Novecento inizia la propria attività nel settembre 1996 dopo una profonda ristrutturazione dell’immobile costruito nel 1951 dai cavriaghesi con il loro lavoro volontario. La ristrutturazione ha ricavato una seconda sala e ha mantenuto nella sala più grande la funzionalità teatrale. La proprietà dell’immobile a partire dal 1993 è del Comune di Cavriago, mentre la gestione è stata affidata alla Cooperativa Novecento; nel 2015 la gestione è stata prorogata fino al 2034.
Fin dall’inizio, cosi come previsto nell’atto di indirizzo culturale approvato dal Consiglio comunale, Multisala Novecento oltre a film di prima visione, organizza rassegne cinematografiche e spettacoli teatrali: teatro per bambini, per le scuole, dialettale, musical, operette, concerti. Le due sale sono poi utilizzate frequentemente da associazioni, circoli, istituti scolastici per saggi, spettacoli per raccolta fondi e quant’altro.
Particolare attenzione è sempre stata prestata al rapporto con gli spettatori relativamente alla informazione.
Sito internet (dal 1997) recentemente completamente rifatto, mailing list via mail (ad oggi 3.979 utenti) o via Sms (ad oggi 414 utenti). Da anni è poi possibile prenotare o acquistare i biglietti per telefono o on-line per qualsiasi spettacolo.
Recentemente infine, abbiamo attivato la possibilità per i 18enni e per gli insegnanti di utilizzare i Bonus cultura dei Ministeri (unico cinema a Reggio e provincia, a parte la multisala Petali della catena UCI).
La gestione è svolta con la collaborazione di circa 70 volontari che a turno svolgono le attività di maschere e cassiere.

Multisala Novecento è aperto da fine agosto a fine giugno tutte le sere; nel 2016 sono entrate complessivamente 86.564 persone: 40.420 per film in prima visione, 26.918 per film in rassegna, 19.226 per spettacoli teatrali e altre iniziative.
La provenienza geografica degli spettatori è stimata in circa il 55/60% dalla città di Reggio Emilia; la rimanente parte dai comuni ubicati nel raggio di 15 km da Cavriago, compresi i comuni del parmense della sponda sinistra del torrente Enza. La mission di Cooperativa Novecento non è di produrre utili, ma di realizzare iniziative culturali: il Bilancio 2015 ha visto un valore della produzione di euro 382.117 ed un utile, dopo le imposte, di euro 9.990.


Busto di Gaio Cilnio MecenateMecenate
è un termine che sentiamo spesso in contesto artistico, e talvolta economico. Mecenate indica colui che finanzia arti di ogni tipo e che quindi mette a disposizione il suo denaro per la creazione di arte. Si tratta di un termine molto antico e dall’origine davvero singolare.
Il nome deriva da un nome proprio, quello del patrizio romano Gaio Cilnio Mecenate (68 a.c.-8 a.c.), collaboratore dell’imperatore Augusto e di fatto protettore degli artisti latini. Gaio era infatti il creatore del programma che avrebbe nobilitato il neonato impero facendo affidamento soprattutto su artisti come Orazio, Virgilio, Properzio, che avrebbero creato un’intera epica associata alla nuova organizzazione politica. Gaio Cilnio Mecenate era dunque una sorta di ministro della cultura antelitteram, un politico capacissimo di intravedere quel legame tra cultura e dominio politico che verrà poi utilizzato con successo da praticamente ogni organizzazione politica, fino ai nostri giorni.